Caldo, alte temperature e riduzione delle emissioni: una sfida possibile

Arriva l’estate e finalmente si pensa a trascorrere gran parte della giornata all’aria aperta. Quando si torna però, spesso la casa si rivela essere un vero e proprio forno. Come trovare rimedio alle alte temperature senza consumare in modo esagerato l’energia elettrica?

Prima di tutto è necessario arieggiare gli ambienti il mattino presto, prima che il sole sia in grado di scaldare le stanze, o in concomitanza del tramonto quando la potenza energetica del sole è ridotta al minimo.

Se una stanza è esposta a Sud, ovvero riesce ad immagazzinare troppa luce e di conseguenza troppo caldo, è consigliabile chiudere i balconi e abbassare le tapparelle. In questo modo si dovrebbe riuscire a ridurre di qualche grado la temperatura degli ambienti interni. Questa stanza andrà poi illuminata all’interno con una luce adeguata, per esempiouna lampada a LED, in grado di illuminare in modo adeguato senza scaldare l’ambiente e al contempo di mantenere un’incidenza minore sui costi in bolletta.

Il bello dell’estate inoltre è che si trascorre gran parte della giornata indossando abiti leggeri o si sta in costume. È bene quindi limitare il numero di cicli con la lavatrice e di conseguenza anche la quantità di panni da stirare.

Dal punto di vista dell’alimentazione, invece, è bene ridurre l’utilizzo di cibi complessi cotti al forno, mentre sono da preferire i cibi freschi, come la frutta e la verdura: oltre che essere meno dispendiosi da cucinare sul fronte energetico, sono anche di gran beneficio all’organismo, poichè apportano la corretta quantità di acqua al corpo.

Non solo: diverse sono le strategie che si possono adottare per ridurre ed ottimizzare i consumi di energia, da valutare solo dopo un’ attenta analisi dell’edificio e dei suoi consumi energetici. Clicca qui per conoscere i nostri consulenti professionisti nel settore energetico.

Related post