Energie rinnovabili in italia

Il recente accordo firmato durante la COP21, la conferenza sui cambiamenti climatici svoltasi a Parigi ai primi di dicembre, stabilisce che le fonti rinnovabili e il risparmio energetico da parte di tutti gli stati firmatari siano di estrema importanza.

In un’epoca in cui l’emissione del gas serra raggiunge il record storico, causato dall’inarrestabile aumento della temperatura globale, non è raro sentir parlare sempre più spesso di scioglimento di ghiacciai, di innalzamento del livello del mare e della desertificazione di intere aree geografiche. Nonostante i dati siano decisamente allarmanti, ci viene più spontaneo chiederci quali siano le cause di questo cambiamento climatico in modo da agire preventivamente per limitare i danni mondiali.

Cominciando dai piccoli elettrodomestici che usiamo quotidianamente, consigliamo di controllarne l’efficienza energetica: perciò, di sostituire i macchinari nel caso in cui non siano proprio un acquisto recente ed assicurarsi che siano dei prodotti di classe A+ o ancora meglio A++.
Non meno importante è l’illuminazione, insieme alle lampadine e ai sistemi che scegliamo per la casa o per l’azienda. Per fortuna non si trovano più in commercio le lampadine ad incandescenza e di sicuro l’illuminazione a LED determina un notevole risparmio nei consumi energetici.

L’Italia dunque, pur con le sue contraddizioni che penalizzano gli investimenti e i tagli che riducono gli incentivi nei confronti delle energie rinnovabili, si sta mettendo in prima linea per evitare l’innalzamento della temperatura di 1,5 gradi: la nostra ambizione è quella di fornirvi delle piccole soluzioni per salvare la terra in cui viviamo.

A tal proposito confidiamo sul rapporto Dentons, che sottolinea una progressiva riduzione dei costi dell’energia rinnovabile che dovrebbe portare ad un aumento dell’utilizzo di fonti energetiche alternative in tutta la Penisola.

 

Related post